Tag: vite

Cosa è un cellulare e le comunicazioni nel presente

Un cellulare, di per se come oggetto, è un oggetto. Ne più ne meno. Ciò che lo differenzia per esempio da un frullatore o da una macchina o da un pacco di fogli è la sua rilevanza nella vita delle persone, visto che da figlio della telefonia fissa è diventato padre di tanti figli alcune volte di buona donna. Ci sono uomini e donne che hanno rivoluzionato la loro vita tanto in positivo quanto in negativo grazie proprio al cellulare. Ma non è questo in particolare il punto. Quello che si vuole evidenziare è che come tutte le cose che nascono e crescono, da oggetto per telefonare il cellulare, anche se adesso si chiama smartphone e ha abbondantemente trasformato il suo modo di essere utilizzato, è diventato un qualcosa di multiplo non si sa se positivamente o negativamente invasivo in maniera totale nella vita delle persone. Basta notare il fatto che se oggetto da maturità e quindi solo per adulti anche i bambini ce l’hanno. Con tutto il correlato di possibili danni che ne possono venire da un uso senza strumenti di controllo comportamentali e psicologici.È di oggi la notizia che sms e telefonate sono un servizio sempre abbondante nel mondo della telefonia, ma come tutte le cose stanno leggermente sparendo dall’uso quotidiano. Si potrebbe dire giustamente. E di per se è anche comprensibile perché il modo di avere a che fare con le persone a distanza è diventato complesso. Quindi rimanere ancora agli sms non può essere molto favorevole ai rapporti interpersonali tra le persone nel 2017 e oltre.

Un giorno che passa e lo svolgimento del Natale

Che il Natale passi è una cosa indubbia, visto che fuori dall’importanza e dalla sacralità della festa si tratta di un giorno dell’anno la cui particolarità è che ci si riunisce tra amici e parenti e si mangia. Passato il giorno in questione, si hanno delle conseguenze sul proprio corpo e sulla propria vita. Si è più ricchi, più o meno, nella pancia e negli oggetti della propria casa. non si sa se si è ricchi nel portafogli, ma si può dire che questo è un particolare variabile.
Il lunedì dopo il 31 di dicembre ricopre sempre una particolarità interessante, perché per nutrizionisti e dietologi è un momento in cui il proprio fatturato aumenta anche se lievemente con tutte quelle persone che hanno deciso di mettersi a dieta proprio da quel giorno. Aver mangiato come idrovore il 24, il 25, il 26 e il 31 è un vero e proprio atto consuetudinario del tempo intorno al 25 di dicembre.
Per il resto cosa rimane del giorno di Natale? Forse qualche soldo, se chi di solito non gioca a tombola nelle sale gioco dove si può giocare tutti i giorni come se fosse un passatempo quotidiano e non un gioco tipico della festività gioca e vince una tombola abbastanza ricca. Ci sono anche tutte quelle persone che col gioco hanno un brutto rapporto perché gli risucchia tutti i propri soldi. Ma per loro bisognerebbe aprire un paragrafo molto ampio dove parlare delle radici da cui questo modo di comportarsi nasce.
Per il resto, questo giorno è un giorno come tutti gli altri. A parte il fatto che è il primo giorno di vita ogni anno da 2016 anni a questa parte di una persona molto importante del tessuto sociale della cristianità.