Cronaca: “L’acqua che manca e l’energia nel futuro”

Come ben denuncia il sito del quotidiano “L’Unità” (La notizia), la situazione è grave. Dovrebbe essere tipico dell’inverno sopportare qualche giornata piovosa in casa a guardare la televisione. E invece si può tranquillamente andare a fare scampagnate con la macchina, si sottolinea la macchina, perché il clima non comporta l’utilizzo delle giacche pesanti o dei piumini.
Può sembrare strano, ma il piumino autunnale, di questi tempi, è assolutamente sufficiente. Nel senso che il freddo vero, quello che a volte causa morti tra i senzatetto della grandi città, non lo si è ancora sentito. Finora i fornitori di gas non hanno fatto buoni affari con i propri clienti, perché le abitazioni private che utilizzano il gas per scaldarsi hanno obbligatoriamente dovuto risparmiare. Ma non per la crisi o le ristrettezze: non ha fatto assolutamente freddo, e quindi il riscaldamento è stato per la maggiore spento.
Non si può però dire che il periodo sia dei migliori. Perché il tempo atmosferico non ha permesso quel ricambio idrico con la pioggia in senso duplice. Da una parte permette di avere un ambiente naturale ristorato dalla sete dei terreni e dei bacini idrici. Dall’altra il sacro meccanismo della pioggia che mangia l’inquinamento non è stato sufficiente.
E quindi non si può certo essere tranquilli.
Chiunque, uscendo in giardino o sul terrazzo, avrà sentito un odore forte di fumo nell’aria. Il motivo per cui lo si sente è che ancora oggi non ci si è affidati, tanto nel prezzo dell’utenza quanto nelle apparecchiature di produzione e di riscaldamento, alla corrente per scaldare casa propria.
Magari nei caseggiati la cosa è complicata. Ma in quella grande parte di abitazioni con tetto proprio non si potrebbe smettere di bruciare del gas in una caldaia per scaldare la casa e affidarsi totalmente alla corrente, sempre che si capisca il vantaggio ambientale per lo meno nell’aria che si respira? Si sta parlando anche del solare, in questo caso…
E poi: non è magari l’inquinamento che non permette un ciclo regolare del tempo, e quindi della pioggia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...